Alla 31° edizione della mostra del Tartufo di Fabro l’ospite speciale è proprio lui

Lo abbiamo visto in tutte le salse, dal grande schermo ai libri, dal giornale al piccolo ricettario. Stiamo parlando proprio di lui, Gianfranco Vissani, prima di tutti cuoco, ma anche scrittore, critico gastronomico e conduttore televisivo. Lo chef sarà ospite speciale alla 31° mostra mercato nazionale del tartufo di Fabro nella giornata di domenica 11 ottobre 2018 alle ore 17:30 per ricevere il premio giornalistico “vanghetto d’oro“. Il premio viene consegnato ogni anno alla Mostra del Tartufo di Fabro ad un importante figura del mondo dello spettacolo o dello sport o del giornalismo che ha promosso l’Umbria nel mondo. Nell’edizione 2017 ha ricevuto il premio la bellissima Roberta Morise e l’anno prima “lo Zar” Ivan Zaytsev, quest’anno non poteva che riceverlo lo stellato chef umbro Gianfranco Vissani.

Gianfranco Vissani

Biografia

Umbro di nascita, classe 1951, Vissani ha conseguito la qualifica di aiuto cuoco presso l’istituto professionale alberghiero di Spoleto nel 1967. Non ha frequentato il biennio di specializzazione per conseguire il diploma di capocuoco ma ha preferito lasciare la regione d’origine, l’Umbria, per andare a lavorare in alberghi e ristoranti di varie città turistiche italiane tra cui Venezia, Cortina d’Ampezzo, Genova, Firenze e Napoli.

Terminati gli anni di gavetta, ha rilevato nel 1973 il ristorante paterno,Casa Vissani, sulle rive del lago di Corbara vicino alla sua città di origine; da allora è stato segnalato in varie guide gastronomiche. Nel 1982 la Guida d’Italia dell’Espresso lo ha inserito al primo posto della speciale classifica dei ristoranti italiani (posizione mantenuta per oltre vent’anni). La guida Michelin gli conferisce 2 stelle, confermate nel 2007.

Alternando viaggi all’estero per conferenze e lezioni di gastronomia all’attività di cuoco e scrittore di testi per la cucina, Vissani ha poi iniziato a collaborare con testate giornalistiche curando nel contempo rubriche per la radio e la televisione.

Fonte

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *